Home Corsi di Degustazione A Cantù un corso di degustazione Go Wine: partenza lunedì 30 gennaio
A Cantù un corso di degustazione Go Wine: partenza lunedì 30 gennaio Stampa E-mail

Idea cardine di queste serate, tra il ludico e il didattico, il giocoso e il serioso, è quella di dimostrare – divertendosi - quanto un vitigno possa avere un peso nel determinare i tratti organolettici di un vino, e quanto invece siano le caratteristiche di suoli, climi, forma e posizione dei vigneti a conferire al medesimo vino le sue specifiche espressive.
Si sa che esistono due correnti di pensiero: quella anglosassone, che dà maggior rilevanza al ruolo giocato dalla varietà dell'uva, e quella latina, che invece ritiene sia il cosiddetto terroir a conferire al vino particolari sensazioni.
Probabilmente la verità sta nel mezzo (o magari no?): è quello che si cercherà di scoprire proprio attraverso questo VINOFORUM, che condurrà, grazie a un sintetico viaggio lungo tutto il corso dello Stivale, alla scoperta del rapporto fra alcuni più intriganti vitigni italici e le loro zone privilegiate di coltivazione, con il fine di analizzare come tale relazione conduca a una supremazia di un aspetto sull'altro, oppure a un sinergico equilibrio.

La prima serata avrà luogo lunedì 30 Gennaio, presso i locali de La Scaletta di Cantù. Un piccolo menù elaborato dallo chef patron Luciano Terraneo, composto da alcuni stuzzichini e da un piatto a sorpresa, espressione più viva della cucina del ristorante brianzolo, sarà l'ideale supporto per una degustazione di quattro etichette, guidata da Roger Sesto, un Franciacorta Docg, un Collio Bianco Doc, un Chianti Classico Riserva Docg e un Passito di Pantelleria Doc, che andranno a toccare tutti gli angoli della Penisola.
Naturalmente questo primo incontro sarà anche un'occasione per imparare i principali rudimenti dell'arte della degustazione e per comprendere alcune fondamentali nozioni in tema di abbinamento cibo-vino.

La serata di lunedì 6 febbraio, seconda del ciclo, sempre con la formula del menù “espressivo-sintetico-didattico”, sarà l'occasione per sviscerare il carattere del Vermentino, tra le più importanti varietà a bacca bianca italiane, andando a vedere come si comporta dalla Liguria di Ponente a quella di Levante, dalla Sardegna alle coste Toscane.

Lunedì 13 febbraio tocca a un pilastro della viticoltura italica a esser messo sotto esame: il nobile Sangiovese. Da quello del Chianti Classico (Sangioveto) a quello Maremmano, da quello di Montepulciano (Prugnolo Gentile) a quello di Montalcino (Sangiovese Grosso).

Infine, il 20 febbraio, gran finale con il re dei vitigni a bacca rossa italici, il più austero e aristocratco: il Nebbiolo. Si analizzeranno, in questa serata, i vini a base di quest'uva provenienti da Langhe (Barbaresco), Roero, Alto Piemonte (Gattinara), Valtellina (Sfursat).

Al termine del ciclo di serate, a marzo, è prevista una cena didattica, ove si riprenderanno gli elementi appresi al corso, alla presenza di alcuni produttori, che illustreranno i loro vini e il legame degli stessi con il territorio di origine.


Per le iscrizioni è possibile scaricare qui il modulo di conferma.



Per informazioni generali si prega di contattare gli enti organizzatori:

Associazione Go Wine
Via Vida 6 - 12051 Alba (CN)
Tel. 0173364631 - Fax 0173361147
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.gowinet.it

Ristorante La Scaletta
Via Milano 30 - 22063 Cantù (CO)
Tel. 031716540 - Fax 031716540
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. – www. trattorialascaletta.it

Per informazioni legate agli aspetti didattici del corso, è anche possibile contattare:

Roger Sesto
Tel. 347 3758410
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Cerca nel sito

Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.